Massimiliano Ghiribelli

Massimiliano_GhiribelliDirettore artistico e tesoriere

E-mail: direttoreartistico@cameramusicalefiorentina.com

Ha studiato clarinetto con il maestro Vincenzo Mariozzi, si è perfezionato in musica da camera con il maestro Vittorio Chiarappa ed ha studiato composizione con il maestro Pietro Rigacci. Ha partecipato ai concerti di inaugurazione del 47esimo e 48esimo Maggio Musicale Fiorentino ed ha collaborato con il Teatro dell’Opera di Roma, l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma, il Teatro del Giglio di Lucca, l’Orchestra Regionale del Lazio, l’orchestra Massimo De Bernart di Livorno e la Florence Symphonietta suonando sotto la direzione di alcuni tra i più prestigiosi direttori d’orchestra, quali Giuseppe Sinopoli, Piero Bellugi, Bruno Rigacci, Nicola Rescigno, Franco Mannino, Lucas Foss.

La sua attività lo ha portato ad esibirsi in alcuni dei maggiori teatri sia nazionali, come l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma, il Teatro dell’Opera di Roma, il Teatro del Giglio di Lucca, il Teatro Comunale di Firenze, il Teatro Regio di Parma, che europei, come la StaatsOper di Berlino, la Musichalle di Amburgo, il Gewandhaus di Lipsia, l’Auditorium del Conservatorio di Luxemburgo, lo Schadausaal Thun di Lucerna, Julitafestivalen in Svezia, la stagione concertistica di Reutlingen in Germania. Ha tenuto concerti in varie formazioni cameristiche, dal recital per clarinetto solo alle composizioni che prevedono organici più grandi ed articolati e di musica contemporanea anche in prima esecuzione assoluta. Ha inciso per le case discografiche Edipan, Materiali Sonori, Bongiovanni, Dynamic.

Ha composto musiche per varie formazioni cameristiche e musiche di scena per commedie teatrali. La sua “Serenata per Cinque Violoncelli” è regolarmente eseguita dal Quintetto di Violoncelli di San Pietroburgo, la musica di scena per “L’Amante” di Harold Pinter e “Magari” di Gianluca Taliani vengono riproposte nei teatri di prosa ed alcune pagine di queste vengono eseguite come pezzi da concerto. L’ “Elegia per clarinetto solo”, il “Capriccio per trombone solo”, “Corale e Fanfara” per doppio quartetto d’ottoni e i “Dieci Piccoli Pensieri Musicali per due clarinetti” vengono spesso inseriti nei programmi da concerto di musica contemporanea. Si è dedicato anche alla composizione di musica vocale ed in particolare al repertorio corale. È in questo tipo di letteratura che si inseriscono il Mottetto per grande coro: “ Adoramus Te Christe” e “Requiem per la Morte di un Sogno” per solo, coro e orchestra.

Dal 1993 è direttore stabile del Gruppo Polifonico Vocale Interludium di Firenze. Dal 1994 è primo clarinetto basso della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare Italiana. Dal 2007 è altro primo clarinetto dell’Orchestra Massimo De Bernart di Livorno. Sempre dal 2007 è primo clarinetto dell’orchestra Florence Symphonietta di Firenze. Dal 2000 ha iniziato l’attività di direttore d’orchestra, ruolo che ricopre assieme a quello di solista.